Sapere cosa si mangia

Sapere cosa si mangia

Uno degli errori che ho fatto, per fortuna poche volte, è quello di farmi prendere dalla smania di entrare in uno di questi odierni supermercati immensi, dove si trova tutto, e comprare quello che mi attirava di più, facendomi guidare dalla golosità. Oppure spesso quando trovo prodotti che consumo abitualmente in offerta, ne compro in quantità esagerate, per poi trovarmi a buttare nella spazzatura gran parte di questi “affari” perchè sono scaduti. Allora ho capito che al supermercato:

 

  • devo andarci con la pancia piena 🙂
  • mi devo preventivamente fare una lista delle cose che devo comprare, in modo da andare diretta verso quegli scaffali e non divagare altrove 😮
  • evitare di andare con figli di amiche o cuginetti, perchè sanno sempre trovare l’ultima merendina lanciata sul mercato! 😐

 

Un’altra cosa che faccio da qualche tempo è rivolgere un’attenzione particolare alla lista degli ingredienti degli alimenti che consumo abitualmente, perchè voglio sapere cosa mangio! E da questa analisi ho capito un pò di cose. La prima è che le aziende che si occupano di alimentazione si impegnano sempre di più a fornirci una loro immagine angelica e disincantata, ma non è vero nulla. La loro è una semplice azione di marketing che vuole farci credere che questi signori si impegnano per la nostra salute e per farci vivere bene e in armonia, ma questa visione è falsa e idealizzata. Basta andare ad interpretare queste etichette e ce ne rendiamo conto. Infatti la lista degli ingredienti non mente mai, ed è l’unica arma in nostro possesso! Ma non è così facile da interpretare…troviamo spesso ingredienti che non conosciamo e non sappiamo cosa siano, ma siamo nell’era dell’informazione a portata di mano, èerchè non sfruttarla, e così ho iniziato a studiare, e la prima cosa che cerco di evitare SEMPRE è di comprare alimenti con grassi idrogenati, che si sentono tanto in giro, ma pochi sanno veramente cosa sono e quanto ci fanno male:

I grassi idrogenati sono il prodotto dell’idrogenazione catalitica di grassi insaturi.

Il processo prende il nome di indurimento e viene generalmente utilizzato per produrre grassi concreti a partire da oli. Il prodotto principale è la margarina. Esistono anche altri tipi di preparati come gli oli parzialmente idrogenati, utilizzati dall’industria alimentare.

I grassi idrogenati hanno come vantaggio una maggiore conservabilità e un minor costo. Inoltre dosando il grado di idrogenazione è possibile ottenere grassi con diversi punti di fusione (e quindi con diversa consistenza).

Il difetto principale è la presenza di acidi grassi trans che si formano durante la reazione di idrogenazione.

Un acido grasso trans o informalmente grasso trans è un acido grasso insaturo, cioè contenente uno o più doppi legami di isomeria trans tra due atomi di carbonio. Possiede in genere un punto di ebollizione e fusione più elevato rispetto all’isomero cis poiché la catena risulta più lineare.

Alcune ricerche hanno trovato una relazione tra diete contenenti molti acidi grassi trans e malattie coronariche e aterosclerosi. Nel 2002 l’Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti raccomandò la totale eliminazione dalla dieta degli acidi grassi trans.

Fonte: wikipedia

 

I grassi idrogenati hanno come vantaggio una maggiore conservabilità e un minor costo: ecco qui il motivo per cui le aziende lo usano, quindi da una parte fanno finta di interessarsi alla nostra salute, dall’altra usano grassi idrogenati.

 

 

Seguimi!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

tredici − due =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.