Torta pasqualina, ideale per i pic-nic

Torta pasqualina, ideale per i pic-nic

Dosi per:
6 persone
Tempo:
2 ore e mezza
Costo:
Basso

La torta pasqualina è una torta salata cotta al forno tipica della tradizione ligure, che viene preparata con uova, formaggi e verdure, solitamente si mangia a pasquetta durante il pic-nic.

Nei secoli scorsi il formaggio e le uova e formaggio si mangiavano solo nelle grandi occasioni, infatti la torta pasqualina rappresentava il piatto più importante del pranzo pasquale, invece nei giorni nostri per la sua praticità è di solito presente nei menu dei pic-nic della pasquetta.

La sua sfoglia è caratteristica perchè è composta da un impasto che non prevede l’aggiunta del lievito, e dobbiamo prepararne almeno 2 alla base e altre 2 in superficie. La sfoglia deve imperativamente essere preparata a casa, non acquistate quella già pronta.

Ingredienti per la sfoglia

  • 450 grammi di farina 0
  • 80 grammi di burro
  • 2 uova
  • 50 grammi di acqua tiepida

Ingredienti per il ripieno

  • 4 carciofi
  • 700 grammi di bieta già lessata
  • 400 grammi di ricotta di pecora scolata
  • 150 grammi di panna fresca
  • 50 grammi di parmigiano reggiano grattugiato
  • 7 uova di quaglia
  • 2 rametti di maggiorana
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 spicchio d’aglio
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Sale fino
  • Pepe nero


Occorente:

teglia tonda apribile di 24 cm di diametro

Uno degli ingredienti fondamentali della torta pasqualina sono le uova di quaglia, se non riuscite a trovarle potete usarne 2 di gallina.

Uova di quaglia
Uova di quaglia

Fonte immagine

Preparazione della sfoglia

  1. Sciogliamo il burro a fuoco dolce e uniamolo alla farina setacciata, alle due uova, all’acqua e aggiungiamo un pizzico di sale.
  2. Lavoriamo con energia l’impasto fino ad ottenere una palla che andrà coperta con una pellicola trasparente e che dovrà riposare per un’ora a temperatura ambiente, al termine del quale risulterà morbida ed elastica.

Preparazione del ripieno

  1. Puliamo i carciofi, tagliamoli a spicchi e cuociamoli in un tegame con aglio, olio extra vergine d’oliva, sale, pepe e gli aghi del rosmarino. Facciamo cuocere per circa 15 minuti, assaggiamo ed eventualmente regoliamo di sale, e lasciamo in cottura fino a quando i carciofi si saranno ammorbiditi. Poi mettiamoli su un tagliere e sminuzziamoli. Lasciamoli quindi fredddare.
  2. Puliamo la bieta e facciamola lessare per 10 minuti in acqua salata, poi scoliamola, facciamola intiepidire e strizziamola per bene, altrimenti perderà l’acqua nel ripieno della torta pasqualina e combineremo un disastro.
  3. Adesso mettiamo la ricotta ben scolata in una ciotola con la metà del parmigiano reggiano(25 grammi), la panna fresca, la bieta sminuzzata, i carciofi e la maggiorana.
  4. Prendiamo la pasta sfoglia che abbiamo preparato e dividiamola il 4 panetti, che andremo a stendere molto sottilmente. Il primo e il secondo strato, che formeranno la base della torta pasqualina, dovranno essere più grandi della teglia perchè poi dovremo tirarli su ed usarli per sigillare la torta in superficie. Dovranno quindi uscire dai bordi della teglia. Mettiamo il primo strato alla base della teglia e spennelliamolo con l’olio. Poi mettiamo il secondo strato. Se ci riuscite dovreste, con l’aiuto di una cannuccia, soffiare tra i due strati di pasta sfoglia per creare una camera d’aria all’interno.
  5. Adesso distribuiamo il ripieno e livelliamo, poi creiamo 6 piccole fosse per le uova di quaglia nel ripieno, nella parte più laterale, quella vicino al bordo, come indicato dalle frecce rosse, le frecce gialle indicano le uova già inserite. Uova di quaglia nella torta pasqualinaCreiamo il settimo buco al centro della torta pasqualina, ed inseriamo le uova di quaglia rompendole con accortezza perchè sono molto delicate. Mettiamo un pò di sale e pepe su ogni uovo.
  6. Finiamo di condire il ripieno spolverando con i 25 grammi di parmigiano reggiano rimasto, sale e pepe, e poi copriamo con altre due sfoglie, spennelliamo entrambe con l’olio e anche qui se ci riusciamo formiamo un’altra camera d’aria all’interno.
  7. Infine sigilliamo la torta pasqualina con i lembi di sfoglia in eccesso che fuoriescono dalla base, e cerchiamo di dare la forma di un cordoncino. Dopo aver spennellato per bene con l’olio buchiamo la superficie con una forchetta e inforniamo in forno ventilato a 180 gradi per 40 minuti.

Torta pasqualina salata

Come tutte le preparazioni che hanno bisogno di riposo una volta cotte, anche la torta pasqualina è ancora più buona il giorno dopo la cottura. Si conserva fino a 2 giorni fuori dal frigorifero.

 

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

4 × 1 =